Cornetti di pan brioche (quello delle mitiche Simili)

Posted on maggio 5, 2008. Filed under: Pani e Focacce |

Per me questo panbrioche è stupendo, sarà che è uno dei primi lievitati in cui mi sono cimentata, sarà che è facile nel procedimento e si ottiene un buonissimo risultato, o che si adatta perfettamente sia con il salato che con il dolce, avendo poco zucchero…
Insomma lo preparo in diversi modi, questa volta ci ho fatto i cornetti.


Scrivo la ricetta come la preparo io, con delle piccole modifiche nei tempi e nella quantità di lievito.

PAN BRIOCHE delle Sorelle Simili

Ingredienti:

Per il lievitino:
g 150 di farina*
g 90 di acqua
g 20 di lievito di birra
Impastare velocemente e fare riposare per 50-60′ fino al suo raddoppio coperto a temperatura ambiente.

Per l’impasto:
g 350 di farina*
g 50 di acqua
g 100 di burro ammorbidito a temperatura ambiente
2 uova
g 30 di zucchero
g 10 di sale

* Per la farina si setaccia insieme 250 g manitoba e 250 g 00

Procedimento:
Fare un impasto sul tavolo con il resto degli ingredienti e lavoratelo bene.
Appena il lievitino è pronto mettetelo sul tavolo schiacciatelo bene e tiratelo con il le mani, mettete al centro il secondo impasto poi cominciate a lavorarlo battendo finchè non ci saranno più striature bianche il che indica che i due impasti si sono già completamente amalgamati (ci vogliono almeno 15′).
Mettere in una ciotola unta di burro e fatelo lievitare per 1 ora e 1/2 1 ora e 45.
Rovesciare sul tavolo e formare cornetti, focacce, panini per danubio, o qualsiasi altra forma vi suggerisce la fantasia.
Coprire con pellicola o con un panno umido e far lievitare per altri 40′-50′
Pennellare con estrema delicatezza con un uovo intero sbattuto e cuocere a 200 per circa 30′-40′ o fino a completa doratura.
Per le focacce/tramezzino, si può anche dividere l’impasto in 3-4 parti e cuocerlo in teglie, anche di stagnola, di circa 20 cm.

E’ possibile farcire con vari ripieni.

Questi li ho farciti con salmone, rucola e philadelphia

NOTE:

Come già specificato, questo impasto è un semidolce, cioè va bene sia con il dolce che con il salato.

Se si vuole, invece, una brioche dolce che sia adatta per la colazione, con la cioccolata, la marmellata e così via, insomma solo con il dolce… ci vuole un altro tipo di impasto.

Partendo quindi da quello delle Simili, e modificandolo, è venuto fuori questo impasto per brioche dolce, adatto a cornetti, briochine, trecce, panbrioche e da decorare con granella di zucchero, di mandorle e qualsiasi cosa ci suggerisce la nostra fantasia …
Ve ne assicuro la sofficità, vengono briochine come nuvolette, e il fantastico profumo🙂
Eccolo:

PANBRIOCHE DOLCE

Ingredienti:

Per il lievitino

g 150 di farina*
g 90 di acqua
g 20 di lievito di birra
Impastare velocemente e fare riposare per 50 / 60 minuti fino al suo raddoppio coperto a temperatura ambiente.
Per l’impasto:
g 350 di farina*
g 50 di acqua
g 100 di burro ammorbidito a temperatura ambiente
2 uova
zucchero da g 80 a g 100 (secondo il gusto)
g 5 di sale
vanillina
buccia grattata di 1 arancia o 1 limone

* Farina, 250 g manitoba e 250 g 00


Make a Comment

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

19 Risposte to “Cornetti di pan brioche (quello delle mitiche Simili)”

RSS Feed for Lemaniinpasta’s Weblog Comments RSS Feed

Ne prenderei uno lissssio e uno farcito con la rucola, pago alla cassa ? Grazie ;)) Ciao

piacere paoletta!!! seguo assiduamente il blog di adriano e le sue ricette, che stimo moltissimo, ho notato tra le sue preferenze anche il tuo, bellissimo blog corredato da immagini fotografiche stupende, siccome ho intenzione di realizzare anche delle tue ricette, avrei bisogno di un chiarimento, quando parli di manitoba, ti riferisci a manitoba pura oppure del super? grazie anticipatamente, katia.

Emilia, prendine quanti ne vuoi, offre la casa!!🙂

Ciao Katia, grazie della visita!
La manitoba uso quella del super, ma marca Lo Conte, perchè l’altra assorbe poca acqua e si rischia che gli impasti vengano troppo molli.
Per la 0 o 00 uso le farine della coop, a mio parere ottime, anche per il fatto dell’assorbimento dell’acqua.

mmm Paola..questo alla rucola è assolutamente bucavideo!

Qui si corre a grandi passi con i lieviti, eh?
Se ti va, passa a riscuotere un premio😉

Grazie Michela :))

Adriano, è tutta colpa tua!!😀😀
Premio?? A me? Corroooooooooo…

Spettacolo !!! Come consistenza sono simili ai panini semidolci delle Simili?

Che buoni, m’e’ venuta na fame…

paoletta, aspettati un lungo commento..volevo scriverti una mail ma non la trovo nel profilo.
credo cmq di aver trovato la risposta nei commenti di qs post..
domenica ho fatto le tue girelle ma è stato un disastro..credo sia colpa della farina (ho usato la manitoba spadoni) perchè dopo l’impasto nella MdP era mollissimo e ingestibile. Ho aggiunto dell’altra farina (più dei 2-3 cucchiai che dicevi tu) ed è migliorato ma è rimasto cmq molto morbido, impossibile fare delle girelle. Sono riuscita a arrotolare ma tagliando si è appiattito e il risultato sono delle specie di “S”, comunque buonissime..
Mi confermi che potrebbe davvero essere colpa della qualità della manitoba?
(So’stata un po’ prolissa…sorry!)

Buonissi Rosalba e molto versatile questo impasto🙂

Monique, mannaggia quanto mi dispiace.
Purtroppo le farine hanno una capacità di assorbimento molto differente l’una dall’altra. La manitoba che hai usato è tra le due che si trovano al super, quella che ne assorbe sicuramente meno, per questo l’impasto molle.
Ha un W più basso, meno proteine, quindi assorbe meno liquidi.
Io uso l’altra, la Lo Conte. Il problema è che non so mai se posso scrivere le varie marche, ma alla fine se questo deve crear problemi, d’ora in poi le scriverò.
In alcuni forum non è possibile, ma il blog è mio e non faccio pubblicità a nessuno😀😀

Per cui ti dico che uso manitoba lo conte, la 0 della coop, e la 00 sempre della coop, ottime farine ed economicissime!!
La pizza con la 0 coop viene benissimo🙂

Poi se ho bisogno di una 00 per dolci, frolle ecc. cerco farine con meno proteine. E comunque ho notato che la 00 della coop, a parità di proteine di altre, assorbe più liquidi.

Pensa che questo impasto, quello delle girelle e altri… a me vengono belli sostenuti, riprovaci chè ne vale davvero la pena!!

Sono stata più prolissa di te :))

Per la mail scrivimi pure su quella di flickr😉

paoletta grazie mille davvero, anche io mi faccio a volte problemi per la pubblicità ma in fondo non credo sia niente di grave dai..
grazie per i consigli..
ho letto da farfallina che anche lei non ha incorporato tutta l’acqua ma solo quella che l’impasto richiedeva..la cosa nella MdP è complicata ma ci proverò
cmq ripeto che anche se non “girelle” eran buonissime lo stesso e i colleghi le han spazzolate…

Divini questi croissant delle sorelline. Mi piacciono queste due vecchine sono davvero mittiche!!! Le foto sono bellissime…baci

Sei grandiosa! Che belli a vedersi questi cornetti e che buoni che devono essere…

Mi spiegheresti come si ottiene la forma a “cornetto”, pliiiz?! Scusa se rompo, ma mi hai fatto venir voglia di provarli🙂

murasaki

Monique, figurati🙂
Comunque l’importante è che ti sia piaciuto il sapore, in modo da riprovarci!

Anna, grazie… vero io le adoro, non ho mai fallito una loro ricetta🙂
Le foto? Io m’incanto a guardare le tue, hanno una bellissima luce e atmosfera …

murasaki, grazie!
Per formare i cornetti, mi sono state utili queste parole di Daniela sulla CI. Te le riporto, spero siano di aiuto anche a te🙂

“Dall’impasto lievitato ho ricavato due dischi uguali, non lasciarli troppo spessi tanto poi rilievitano. Con la rondella tagliapizza ho diviso in 4 quarti, poi ogni quarto in tre, quindi sono venuti 12 cornetti per disco, volevo farli piccoli.
Poi ho preso ogni triangolo e ho stirato leggermente e delicatamente con le mani, più lungo è il triangolo più giri riesci a fare e più bello viene esteticamente. Inizio ad avvolgere strettino, partendo dalla base verso la punta. La punta la faccio capitare sempre sul davanti e sotto il cornetto, altrimenti in lievitazione o in cottura si solleva. Poi arrotolo un po’ e incurvo le estremità.”

Queste sorelline sono geniali, hanno delle ricette uniche. Ma tu sei bravissima, davvero. bacino

Grazie LAle, bacino a te🙂

Grazie, speriamo di riuscirci😀

Un bacione e a presto
murasaki

murasaki, certo che sì… l’impasto è facilissimo :))


Where's The Comment Form?

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: